« febbraio 2005 | Pagina principale | aprile 2005 »

28 marzo 2005, lunedì

Hawaii - Hanauma bay
di vololibero alle 07:01:00 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Locals frown when you talk about Hanauma bay, but it's a beautiful place. It's crowded, but not too much. And the fish is amazing. You can get very close to it and, being tropical fish, it comes in incredible shapes and colors. Sometimes they are almost unbelievable, with bright and completely discordant colors, as if a kid had painted them. Think of shocking pink and orange and blue...

Hanauma bay viene snobbata dalla gente del luogo, ma e' comunque un posto molto bello. Ci vanno un sacco di turisti ma non e' comunque troppo affollata. Ed i pesci sono incredibili. Ce ne sono tantissimi ed e' possibile andargli davvero molto vicino. Trattandosi di pesci tropicali hanno le forme ed i colori piu' strani. Due tipi, in particolare, sembravano finti, con dei colori cosi' assurdi che sembrava che li avesse colorati un bambino. Qualcosa tipo rosa shocking, arancio e blu intenso...

27 marzo 2005, domenica

Hawaii - Hike at Makapuu point (Hawaii - camminata al Makapuu point)
di vololibero alle 10:36:05 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Makapuu point is at the very southern tip of the windward coast. It's an easy hike and offers beautiful views of two of the four coasts of the island.

Makapuu point e' sulla punta estrema a sud della Windward coast. E' una facile camminata ed offre un panorama bellissimo di due delle coste dell'isola.

19 marzo 2005, sabato

Hawaii - the Windward coast
di vololibero alle 23:01:28 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Fourth day, I drive down the Windward coast.
As usual, the island is small. It takes just around 20 miles to get to Kailua. The coast is split in two by the little peninsula between Kaneohe and Kailua. North of it, the shoreline is more ragged, with deeper bays. South of it, it becomes gentler. But it's always very beautiful. The water may sometimes be brown in some of the northern bays, when the wind blows strong and bad weather is coming. But mostly is blue, blue-green, transparent.
Kailua and Lanikai have probably the best beaches in the island, but it's almost impossible to get to them. Expensive houses are built on the ocean, with their private beaches. At times a tiny path between two buildings let's you get to the water. I saw one in Lanikai, with people sneaking out of it. But the real chance of enjoying the place is the Kailua beach park, right at the border with Lanikai, just past a small bridge. There is an extensive parking and, just behind it, the beach. And the beach is absolutely beautiful, even in a temperamental day like the one when I was there, with the sun playing hide and seek with the clouds and the wind picking up every now and then. Waimea is a wide bay with a beach of white sand, water literally green, and the mountains in the back. And there were few people. Swimming here in a sunny day is like swimming inside a pool of green light. I have never seen anything similar before.

Quarto giorno, la Windward coast (la costa dal lato da cui arrivano i venti).
Come al solito l'isola risulta essere abbastanza piccola e ci vogliono sono circa 30 chilometri per arrivare a Kailua. La costa e' divisa in due da una piccola penisola, che separa Kaneohe da Kailua. La parte a nord e' piu' battuta dalle intemperie, e con delle baie piu' profonde, mentre la parte a sud e' invece piu' gentile. Ma e' sempre bellissima.  A nord l'acqua e' alle volte marrone all'interno delle baie, specialmente quando il vento e' forte e c'e' il brutto tempo. Ma normalmente e' blu o blu-verde, e trasparente.
A Kailua e Lanikai ci sono probabilmente le spiagge piu' belle dell'isola... ma e' quasi impossibile raggiungerle perche' hanno costruito lungo tutta la riva. Ogni tanto c'e' un viottolo che si infila tra due case, ma devi sapere dov'e'. Ne ho notato uno a Lanikai perche' c'era della gente che ne stava venendo fuori. C'e' pero' un posto dove la spiaggia e' ampia e facilmente raggiungibile, ed e' il Kailua beach park, al confine tra Waimea e Lanikai, subito dopo un ponticello. C'e' un grosso parcheggio, e la spiaggia e subito dietro. E la spiaggia e' bellissima, anche in una giornata tipo quella quando c'ero io, con il sole che un po'c'era ed un po' spariva dietro le nuvole, ed il vento ce ogni tanto si alzava un po'. Waimea e' una baia molto ampia, con una spiaggia di sabbia bianca, l'acqua verde e le montagne alle spalle. E poca gente. Fare il bagno qui col sole e come nuotare in mezzo a della luce verde. Non ho mai visto nulla di simile prima d'ora.

14 marzo 2005, lunedì

Movies - In my country (Film - Nel mio paese)
di vololibero alle 23:25:21 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback
It's a good movie, definitely worth seeing. It's sad and pretty honest. Optimist at times, always tragic. It's the story of the "peace and reconciliation" process South Africa went through to try to confront its past and move on. The movie is not sensationalist, and tries to show all facets of what's going on, not only the codified ones. Reality is complex, and the movie tries to present it for what it is. The film is not didactic and it's not boring. South Africa is beautiful, and the movie, for what it can, provides a full picture of it, in all its social intersections. Again, it's a good movie and it made me sad. But in a good way. It tried to make me think, not make me feel guilty.

Se non e' ancora uscito in Italia, sicuramente uscira' a breve. E' l'ultimo film di John Boorman, "In my country", "Nel mio paese" (al solito, chissa' che titolo sceglieranno in Italia...). Il film racconta la storia del processo di "pacificazione e riconciliazione" con cui il Sudafrica ha cercato di affrontare il suo passato e di venirne a capo parlandone, invece che rimuovendolo. Il film e' bello e, per fortuna, posato, non sensazionalistico. Cerca di mostrare tutti gli aspetti della vicenda, senza appiattirsi sui luoghi comuni. Il Sudafrica e' bellissimo, e l'intrico dei rapporti tra bianchi, neri, e tutte le sfumature intermedie, e' sorprendente e, forse piu' di ogni altra cosa, fa capire come il paese abbia una sua identita' forte e peculiare. Il film e' senz'altro da vedere. Mi ha reso triste, ma perche' mi voleva fare riflettere, non sentire in colpa.

12 marzo 2005, sabato

Hawaii - Polynesian Center
di vololibero alle 14:50:28 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

The Polynesian center is the major tourist attraction in Hawaii. It's also, basically, a parade of handsome, tan, young, almost naked men, that smile to you in the sun, against a backdrop of luscious tropical flowers and vegetation, the gentle sound of dripping water, and a light breeze that caresses you. The fact that the center is own and managed by the Mormons, one of the most homophobic (and multi-phobic) Christian sects around, is a testament to the amazing talent of human beings to happily live a life of contraddictions.
While visiting the center, it's impossible to avoid a feeling of exploitation. It's always there, like a background. The young "natives" that you see, are working there to pay for their education... also gently provided by the Mormons. Which is good. There are very few other alternatives in the Pacific. But one thing is having to serve in a restaurant or to do an underpaid job in a laboratory. Another is having to walk around almost naked, smiling to tourists, acting a Disney-like version of your culture. And there is clearly a selection. Everybody that works there is beautiful (they are even "encouraged" to tan..). I guess the others are in the kitchens or come out at night, to clean.
But the Polynesian Center is also a place where, with a sort of a strange retaliating justice, tourists pay to be pubblicly humiliated. Plump middle-class men and women are called on stage and forced to dance tribal dances that require to shake your hips. Couples of spouses spend ten / fifteen minutes, under the severe control of amused polynesians, trying to weave grass into things vaguely resembling hats and mats. Spectators are ordered to loudly shout meaningless words with impossible sounds...
The Center is disappointing and interesting at the same time, and very family oriented, like a Disney park, and this is its limit. Even the best things are prevented from being fully successful, because of this constant need to make everything acceptable to everybody. In the end, it's very fake, a place where the people say "aloha" to you but "hi" among themselves. A theme park, not the cultural center they claim to be. But it's interesting to see all the Pacific ethnicities at once, and see how similar and different they are. This was probbly the most interesting thing about it. And, boy, Pacific islanders can really be big.
Few pictures here, I didn't feel like taking any.

7 marzo 2005, lunedì

Hawaii - Turtle Bay
di vololibero alle 07:23:00 ~ 3 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback


The second day ends with me driving all the way back to Haleiwa, trying to find a restaurant. There is really almost nothing in between there and Laie. In Haleiwa I stop at the first one that I see, which happens to be Jameson's and to be overpriced and not too good ("oriental rice" with bacon? please!). The place is a case study in human nature. Some of the clients (always in groups of at least three) are loud, overweight, talk a lot and in an assertive way about nonsensincal topics. With their body language they proclaim that they are wordly and wealthy, but then they betray themselves by discussing knowingly about improbable tropical cocktails with a waiter, and acting as if they were talking about fine wine: "mhmm, yes, I think that tonight I will have the chocolate rum coconut pinapple passion fruit tropical delight. What are you having Martha?". The waiters swarm around them like bees around honey and are even sweater and pampering, "the tropical delight? Suuure. It's an excellent choice. It's actually my favourite. And the linguini with mahi mahi ... with extra sauce? Eeexcellent". The clients almost shine with pleasure at being treated like that for once in their lives and run a complicated dance between friendliness and complaisance, ordering their food with the assurance of a connoisseur while giving their address to the waiter and saying, almost with tenderness, "if you come to hoppalooga you MUST visit me".
The other type of customers are people like me. We look around in disbelief and we leave upset. Don't go there (unless you are an anthropologist).
Next day, the third, horseback riding and beach.
I go to the Turtle Bay Resort, which is a very nice place (but too expensive for my budget), with a private bay (Kuilima), golf course, etc... etc... The horseback riding is great. It's early and I'm the only one. Alicia, the guide, is friendly and we talk for the 45 minutes of the ride. She suggests another beach just north of here and a place where to eat lunch. The ride is great, in part in the wood and in part on the beach. The sections on the white beach, with the wood to the side, the view of the bay in front of me, the ocean to my left, the strong wind that carries some salted water from the ocean are absolutely great.
At the resort 300 Japanese teenagers (more girls than boys) are leaving all at the same time. 300 hardcase suitcases fill the lobby, different only in color. All the girls wear short tartan gowns, a shirt, a tartan tie, long socks, a blue sweather or a blue jacket. All the boys wear a white or beige shirt, grey or blue pants, a black or blue jacket, and a tie. It looks like a happening organized by Warhol. The atmosphere, between the wind and the energy of all these young people, is electric. People that work at the resort are having a field day, smile a lot, and make jokes that I will not report. I cannot but think that, while these teenagers came to Hawaii with their class, at their age I went to Vienna with mine. I guess that in both cases the trip took some 10 hours.
So, I followed Alicia's suggestions. The beach, Kawela, is somehow protected from the wind and nice. The water is a little bit "dirty" close to the shore (the only time in Hawaii) but it becomes clean as soon as you proceed further. In order to get there you must leave the car on the side of the road and walk inside the resort area.
After the beach I had lunch at Lei Lei, a bar in the resort, which is perfectly acceptable, expecially if you order something simple like a sandwich with fresh fish.
Pictures!

Il secondo giorno finisce con io che guido tutta la strada a ritroso fino ad Haleiwa, alla ricerca di un ristorante. Non c'e' praticamente niente tra li' e Laie. Mi fermo al primo che trovo, Jameson's ed e' una pessima scelta: troppo caro e non buono ("riso orientale" con la pancetta??!). Ma il ristorante sembra il posto perfetto per uno studio sulla natura umana. C'e' una categoria di clienti (sempre in gruppi di almeno tre), grassi e che parlano voce troppo alta. Parlano un sacco, di cose che non hanno senso, ed in modo serio, come se avessero un'opinione precisa su qualunque argomento e fosse importante per loro di esprimerla. La postura del corpo ed il modo in cui lo muovono sembrano dire "ho un sacco di soldi e conosco il mondo" ma poi si tradiscono discutendo di cocktail tropicali assai improbabili con i camerieri, e facendolo come se se ne intendessero e stessero parlando di vini costosi: "mhmm, si', credo che stasera ci stia meglio la magia tropicale di cioccolato rum cocco ananas e frutto della passione. Tu cosa prendi Marta?". I camerieri gli volano attorno come delle api attorno al miele, e sono ancora piu' dolci e pieni di attenzioni: "la magia tropicale? Peerfetto. E' un'ottima scelta'. Anzi, e' il mio favorito. E le linguine col pesce ... con extra salsa? Ooottimo". I clienti sembrano illuminarsi da dentro al sentirsi oggetto di tanta attenzione, per una volta nella loro vita, ed iniziano un complicato balletto tra l'essere amichevole e compiacente, ordinando il cibo come se fossero degli intenditori e dando il loro indirizo alla cameriera e dicendo, quasi con affetto e tenerezza: "se passi dalle parti di hoppalooga DEVI venirmi a visitare".
L'altro tipo di clienti sono persone come me. Ci guardiamo attorno senza quasi riuscire a credere ai nostri occhi e ce ne andiamo seccati. Non andate a qel ristorante (a meno che non siate degli antropologi).
La mattina del giorno dopo, il terzo, vado a cavallo ed in spiaggia.
Vado al Turtle Bay Resort, un posto molto bello (ma troppo caro per questo viaggio) con una sua baia privata (Kuilima), campo da golf, etc... I 45 minuti a cavallo sono molto belli. Visto che e' presto sono l'unico cliente e finisco quindi con il parlare con Alicia, la guida, per tutto il percorso. Mi suggerisce un posto dove andare a pranzo, dentro il resort, ed una spiaggia appena piu' a nord, riparata dal vento (che oggi e' bello forte). La trottata (se non camminata) e' un po' nel bosco ed un po' sulla spiaggia. I pezzi sulla spiaggia bianca sono davvero molto belli, con il bosco da un lato e l'oceano con le onde dall'altro, il vento che mi scompiglia i capelli e mi spruzza con quel po' di acqua salata che riesce a strappare all'oceano, la baia che si apre davanti a me.
Nell'hotel ci sono 300 ragazzi e ragazze giapponesi che stanno partendo tutti assieme, e c'e' quindi un energia abbastanza elettrica nell'aria, a cui il forte vento non fa che contribuire. 300 valige di quelle rigide occupano la hall, identiche in tutto a parte per i colori. Le ragazze vestono tutte una gonna scozzese scura, una camicia, una cravatta scozzese, calze lunghe, ed una maglia o giacca blu. I ragazzi vestono una camicia bianca o beige, pantaloni blu o grigi, giacca nera o blu, cravatta. Sembra quasi un qualcosa organizzato da Andy Warhol, con infinite variazioni su di uno stesso oggetto. La gente che lavora nell'hotel corre da una parte all'altra, sorride un sacco e fa battute che non ripetero' qui. Mi viene inevitabilmente da pensare che, alla loro eta', io sono andato a Vienna in pullman con la classe, mentre loro hanno preso l'aereo e sono venuti alle Hawaii. E' vero che alla fine sono 10 ore in entrambi i casi...
Ho poi seguito i suggerimenti che mi aveva dato Alicia. La spiaggia, Kawela, e' all'estremo nord dell'area del resort ed e' bella e riparata dal vento. L'acqua era un po' "sporca" vicino alla riva (unica volta che mi e' successo alle Hawaii), ma bastava allontanarsene un po' ed era di nuovo pulita. Per arrivarci bisogna lasciare la macchina di fianco alla strada e camminare dentro la proprieta' privata dell'hotel, un pizzico di avventura.
Dopo la spiaggia provo Lei Lei, un bar di fianco al campo da golf, che va benissimo, specialmente se si ordina quacosa di semplice tipo un panino con il pesce.
Foto!!


Kuilima


Kuilima


Kuilima


Kuilima


Kuilima


kawela Bay


kawela Bay click for BIG image

5 marzo 2005, sabato

Laurie Anderson at BAM
di vololibero alle 18:32:20 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Saturday I went to BAM with friends to view the Laurie Anderson's show,  "The end of the moon". I was very curious. I have been wanting to see her for years, and we both live in NY. So, two days ago it finally happened.  The show was very simple. Dark stage, with lit candles on the floor, as tall as an arm and as short as a hand.  She walked from an armchair to the center of the stage, and viceversa, a few times. She talked more than playing music, and I was not expecting this. It was like a stream of consciousness, with her picking bits and pieces from these last years: her appointment as artist-in-residence at NASA; 9/11; a vacation in California... It was not particularly happy, but at times it was funny and at others somewhat uplifting. But not happy. She has a voice that I like, and she talks very clearly and at a constant speed, in a peculiar way. The music was nice and interesting as usual, basically a violin heavily "hacked" and with other sounds in the background. There was an interesting piece in which she turned on a mini-camera at the end of the violin bow and she projected the image on a monitor while she was playing. The background were images from space taken at NASA. The foreground image kept changing while she moved the bow on the violin, capturing parts of her and of the theatre. The pubblic looked quite engaged, with a few exceptions that left during the show.  Love her or hate her.  In the end, it was somber and minimalist, maybe a little bit long, but very professional, you could see the experienced artist at work. I'm glad I saw it, and her.

Sabato sono andato a vedere Laurie Anderson alla Brooklyn Academy of Music (BAM). Ero molto curioso, visto che era da anni che volevo vederla (abitiamo pure tutti e due qui a NY). Lo show e' intitolato "The end of the moon", cioe' "La fine della luna". La coreografia era molto semplice. Il palco era buio e c'erano delle candele accese sul pavimento, alte da una spanna ad un braccio. Lei si spostava da una poltrona ad un punto in mezzo al palco, poi tornava alla poltrona, e cosi' via. Credo che alla fine ci siano stati piu' pezzi parlati che musica, anche se mi aspettavo il contrario. Quando parla e' come leggere un romanzo basato sulla tecnica dello stream of consciousness. Dettagli vari dagli ultimi tre anni messi uno dietro l'altro, come i pensieri di una persona, un po' collegati ed un po' no: il suo periodo alla NASA come artista residente; la tragedia di 9/11; una vacanza in California; e cosi' via. Il tono generale era un po' triste e non positivo, ma con dei momenti divertenti dove il pubblico rideva ed altri piu' ottimistici, che ti facevano vedere le cose con piu' speranza. Lei ha una voce che mi e' sempre piaciuta e quando parla durante uno spettacolo e' molto chiara e mantiene un tono costante di voce, in un modo molto suo. La musica era strana e bella come sempre. Lei e' famosa per manipolare i suoni. Sul palco suonava un violino, ma poi tramite controlli invisibili il suono veniva amplificato e distorto ed altri suoni aggiunti come sfondo. In un pezzo insolito, una mini telecamera messa sull'archetto mandava immagini che venivano mostrate su di uno schermo, con lo sfondo di immagini dello spazio prese alla NASA. L'archetto, muovendosi avanti e indietro, riprendeva pezzi di lei, del palco, alle volte del pubblico. Queste immagini in continuo movimento con uno sfondo di stelle, che anch'esso cambiava letamente, e la musica del violino distorta elettronicamente era suggestivo. Per lo piu' il pubblico sembrava molto interessato, con alcune eccezioni che se ne sono andate durante lo spettacolo. E' un po' tipo "o la ami o la odi". In sintesi, lo spettacolo e' stato molto sobrio e minimalista, un filo troppo lungo, a suo modo intenso, molto professionale, potevi chiaramente vedere l'artista ormai piu' che rodato al lavoro. Sono quindi contento di averlo visto, e di avere visto lei.

2 marzo 2005, mercoledì

Hawaii - Hau'ula hike (Hawaii - Hau'ula hike)
di vololibero alle 07:07:00 ~ 1 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Still the second day. I get to Laie too early, the room is not ready yet. I drop my suitcase and drive to Hau'ula, where there is a well known mountain hike, the Hau'ula loop.
I use the term "mountain" very liberally. They are really just hills (based on their height) but they also really look like mountains. They are ragged, steep. A hill in Hawaii looks more like a mountain than the whole damned Appalachian ridge in the North-East.
Hau'ula is right after Laie. The beach is beautiful and ten feet from the road. On the other side, the mountain. The hike is a ring and it takes an hour and half / two hours to complete it, depending on your speed. It took just half an hour to me, even though I kept stopping to take pictures. You walk through the woods, a bizzare mix of pine-like trees (ironwood trees from Australia), palm trees, tropical plants, ferns, ... Some sections of the hike are quite beautiful like when you are surrounded by ironwood trees. Their needles, very long and grey/green in color, everywhere around you and on the ground, create the impression of moving through a mist, a little magical.
The hike is wet at times, but I managed to do it with my Diesel sneakers, not exactly a pair of hiking boots... They were even almost clean at the end.
Bring water with you because you will sweat more than you expect (it was cool and the hike is not steep).
I hiked clock-wise and, from what I saw, I think that it's the best direction.
How to get there? Frommer's says to take Homestead Road and, when it forks to the left at Maakua Road, park on the side of the road. Not the best, but it works. You will even find a sign where you park. You walk one minute on a paved street and then you take the actual trail.
Pictures!

Ancora il secondo giorno. Arrivo a Laie troppo presto e la mia stanza non e' ancora pronta. Mollo allora tutto e vado a Hau'ula, dove faccio una camminata in montagna, su un sentiero ben noto, il "loop di Hau'ula".
DIco "montagna" ma sono davvero delle colline, se guardiamo solo all'altezza. E pero' hanno davvero l'aspetto di montagne, ed assai di piu' di tutta la dannata catena degli Appalacchi qui dietro casa, nel nord-est degli USA. Mai visto montagne piu' inutili. E' come un panettone lungo 2000 chilometri.
Hau'ula e' la prima cittadina dopo Laie. Ha una bella spiaggia, subito di fianco alla strada, e la montagna e' subito dall'altro lato. L'escursione (fatemelo chiamare "hike) e' un anello e ci va un'oretta e mezza / due ore per farla tutta. Io ci ho messo un'ora e mezza, anche se continuavo a fermarmi per fare foto. E' tutto nel bosco, un miscuglio strano di ironwood (una specie di pini australiani con aghi molto lunghi, ricordano un po' le tamerici), palme, piante tropicali, felci, ... Alcuni pezzi dell'hike sono molto belli, come quando sei completamente circondato dagli ironwood e formano come una cortina di fumo attorno a te, un po' magica, con i loro lunghi aghi color grigio/verde sia attorno a te che a terra.
Il percorso e', a tratti, un po' bagnato, ma sono comunque riuscito a farlo con le mie scarpe da ginnastica della Diesel (non proprio degli scarponcini da trekking...) e senza quasi sporcarle.
Conviene portarsi dell'acqua perche' si finisce col sudare piu' di quanto ci si aspetti (era fresco ed il percorso non e' particolarmente ripido).
Io ho camminato in senso orario. In base a quello che ho visto credo che sia la direzione migliore.
Come arrivarci? La guida Frommer's dice di prendere la Homestead Road e di parcheggiare di fianco alla strada quando questa gira a sinistra in corrispondenza di Maakua Road. Non e' il percorso piu' diretto, ma funziona, e c'e' anche qualche indicazione per il sentiero. Si cammina un minuto su di una strada asfaltata e poi si gira a destra sul sentiero vero e proprio.
Foto!

1 marzo 2005, martedì

Christo and Jeanne-Claude in Central Park
di vololibero alle 07:19:00 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback
It was the last week-end before they removed it and so last Saturday I went to Central Park to see the Gates, the installation by Christo and Jeanne-Claude. The day was so so, cold and cloudy, with the sun coming out of the clouds every now and then. Impressions. The gates were smaller than I expected and the fabric was heavy and stiff. For some reason I was expecting something lightr, that could wave in the wind. The color was nice, a buddist saffron, and it shone nice and bright in the sun. Otherwise it was still nice but a little bit dull, opaque. The most of the people walked under the gates and so, sensibly, my friend and I walked outside of them. There were *many* gates, I don't know how many thousands. They covered all Central Park, but not certain internal sections like the Rambles. In the end, I was expecting something more monumental but it was not bad. And they look better in the pictures. Was it worth the money? I don't know. I guess I'm becoming a jaded Newyorker :-)

Quello appena passato era l'ultimo week-end per vedere l'installazione di Christo e Jeanne-Claude in Central Park, The Gates (Le Porte) e cosi' sabato sono andato a dargli un'occhiata. Il tempo era cosi' cosi', freddino, nuvoloso, con il sole che ogni tanto faceva capolino per poi sparire di nuovo. Impressioni varie. Le porte erano piu' piccole di quello che mi aspettavo, ed il tessuto usato per le tende era pesante e rigido. Mi aspettavo qualcosa di piu' leggero, che potesse fluttuare nel vento. La maggior parte della gente camminava sotto le porte e cosi' io e l'amico con cui ero andato li' abbiamo pensato bene di camminarci di fianco. Le porte erano ovunque in Central Park, che e' piuttosto grosso, e quindi saranno state migliaia. Solo in alcune zone interne, come le Rambles, non ce n'era nessuna. Per tirare le somme, mi aspettavo qualcosa di piu' grandioso ma alla fine non erano male. Sembrano pero' meglio in foto di quanto non fossero in realta'. Valeva la pena di spendere tutti i soldi che hanno speso (tipo, dieci milioni di dollari)? Non saprei. Forse sto davvero diventando un newyorkese, indifferente a tutto :-)