« gennaio 2005 | Pagina principale | marzo 2005 »

28 febbraio 2005, lunedì

Hawaii - Waimea to Laie (Hawaii - da Waimea a Laie)
di vololibero alle 07:36:00 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Still the second day. I leave Waimea and drive to Laie.
The North shore is for surfers! The prototype surfer is male, young, blond, a lot of hair and long, hour-glass bodyshape, muscular, shirtless, tan, sight focused straigh ahead and oblivious of what's around.
The classic beaches are between Waimea and Waialee. There are a few parkings on the ocean side of the road but, often, people simply park on the opposite side, wherever they find a spot. The road is one lane in each direction. Not much traffic, and relaxed.
In Winter the waves are huge and frequent. You can't swim. Surfers from everywhere in the world come here to have fun. The sun is very strong. The ocean is a beautiful blue.
Pictures!

Ancora il secondo giorno. Lascio Waimea e guido fino a Laie.
La costa nord e' per i surfisti! Il surfista tipico e' maschio, giovane, biondo, molti capelli e lunghi, fisico da nuotatore con spalle larghe e vitino da vespa, muscoloso, a torso nudo, abbronzato, lo sguardo fisso di fronte a se ed ignaro di quello che c'e' attorno.
La spiagge piu' famose sono tra Waimea e Waialee. Ci sono alcuni posti dove parcheggiare sul lato dell'oceano ma, per lo piu', la gente parcheggia dove puo' sull'altro lato, ovunque ci sia spazio. La strada e' una corsia per senso di marcia. Il traffico non e' intenso, ed e' tranquillo.
D'inverno le onde sono enormi e molto frequenti, e non e' possibile fare il bagno. Surfisti da tutte le parti del mondo vengono qui a divertirsi. Il sole e' fortissimo. L'acqua e' di un blu intenso e bellissimo.

Foto!

27 febbraio 2005, domenica

Hawaii - Waikiki to Waimea (Hawaii - da Waikiki a Waimea)
di vololibero alle 07:49:00 ~ 2 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback


Second day. I rent a car and drive to the North shore.
In the shuttle to the airport there is only another passenger, a guy from Edimborough that is flying around the world. He came from San Francisco and now is going to Australia. He's carrying surprisingly few things with himself. Just a backback. Better than me.
The driver is nice and drops at the Hertz. People tend to be nicer here. Like everybody in the world, he would like to visit Italy.
I rent a compact and it's so much better than my car at home. I must drive a sub-compact.
The island is really small. It takes just half an hour to get to Waialua. My room-mate is from there. I couldn't resist going there. The island gets suburban right out of Honolulu, and then quickly rural. Waialua is very rural and sleepy.
Haleiwa is similar but with more life. There are restaurants.
It's easy to miss the turn for the Waimea Falls Park. It's right after a bridge over a small river. The ocean to the other side.
The park is amazing. An easy walk till you get to the falls (quite modest, to be honest). The park is now managed by the National Audubon Society and collects tropical plants. Do you want to see ten different varieties of hybiscus all together? Birds of paradise, ginger, heliconia growing wild and tall? Giant tropical trees?
And the food at the bar at the entrance is not bad at all. You just have to fight with the peacocks, that try to steal your food. Damned birds. They are big enough to not be scared by you (and to scare you a little bit).
Pictures!

Secondo giorno. Affitto una macchina e mi dirigo verso la costa nord (the North shore).
Nello shuttle che mi porta in aeroporto c'e' solo un altro passeggero, un tipo di Edimburgo che sta volando attorno al mondo. E' arrivato da San Fransisco e sta per volare in Australia. Ha pochissimi bagagli, meno di me, incredibile (intelligente!).
L'autista mi scarica davanti alla Hertz. La gente tende ad essere gentile qui. Come tutto il resto del mondo, anche lui vorrebbe visitare l'Italia.
Affitto una "compatta" e mi sembra lussuosa se paragonata alla macchina che guido di solito a casa. Si vede che ho una "sub-compatta".
L'isola e' davvero molto piccola, ed in mezz'ora sono a Waialua. Il mio room-mate viene da qui. Non potevo resistere, volevo vedere il posto. L'isola diventa suburbana appena fuori da Honolulu ma poi diventa molto velocemente rurale. Waialua e' decisamente rurale e sonnacchiosa.
Haleiwa e' simile ma con piu' vita. E ci sono dei ristoranti.
E' facile perdere lo svincolo per il Waimea Falls Park. E' subito dpo un piccolo ponte su di un fiumiciattolo (l'oceano dall'altro lato).
Il parco e' bellissimo. Con una facile camminata si arriva alle cascate (modeste, a dire la verita'). Il parco e' ora gestito dalla National Audubon Society, che vi colleziona piante tropicali. Volete vedere 10 tipi diversi di ibisco tutti assieme? Strelitzie, ginger, heliconia che crescono all'aperto fino a diventare quasi alberi? Alberi tropicali giganteschi?
Ed il cibo non e' male, anche se bisogna lottare con i pavoni, che cercano di rubartelo. Dannati uccelli. Sono cosi' grossi che non hanno quasi paura di te (e tu ne hai un po' di loro).
Foto!













26 febbraio 2005, sabato

Hawaii - the first 24 hours (Hawaii - le prime 24 ore)
di vololibero alle 07:22:00 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback


I arrived Sunday night and spent Monday in Waikiki, trying to ease myself into the vacation. I was smiling and happy. "I did it! I escaped!".
An unsorted list of impressions:
First night
The airport looks big but it feels quiet and relaxed. We walk quite a little bit to get to the baggage claim. The two sections of the airport are connected through an outdoor aisle, without side walls. The night hits me suddenly. The temperature is so gentle, the sky is dark but not black, tropical plants and palm trees slowly move in the breeze. I smile and forget that I'm tired.
So many hotels and lights and skyscrapers in Waikiki.
Windy at night, it's nice to wear long sleeves.
Tourists everywhere and of every age. Many Japanese.
The hostel where I sleep the first night is as bad as I expected. It's a hostel, not a hotel. Everything was booked because of a NFL league event.
First day
Plants and trees are amazing, so green and big. It's amazing to see the very same plants that we grow in pots in our apartments. To see them as trees 30 feet tall.
Waikiki is relatively small, it takes around 40 minutes to walk from end to end. There are so many tourists. But the streets are never really crowded.
The pace is slower, the people more relaxed.
Pidgeons look much healthier than in NY.
The temperature is perfect. Warm enough to wear short sleeves, but not warmer. The same for the temperature of the ocean (no sleeves in this case).
People don't dress in interesting ways. Clothes are very plain. A lot of t-shirts with words on them. Colors are always muted, even reds.
The ocean water is blue/green and transparent. In Waikiki (!).
Palm trees are so elegant.
Am I really here? I don't fully grasp it yet.
Food is a problem. Either very expensive or bad (or both).
The sun is very strong.
There are no birds at night (even though everything is lit and there is food everywhere).
Karaoke is a big thing here.

Sono arrivato domenica notte ed il lunedi' sono poi rimasto a Waikiki, per acclimatarmi un po'. Sorridevo spesso ed ero contento. "Ce l'ho fatta! Sono scappato!".
Una elenco di impressioni sparse:
La prima notte
L'aeroporto sembra molto grande ma anche tranquillo. Bisogna camminare un po' per arrivare al ritiro bagagli e ad un certo punto si passa per un corridoio all'aperto, senza le pareti laterali. La notte mi colpisce di colpo. La temperatura e' dolcissima, il cielo scuro ma non nero, palme e piante tropicali si muovono nella brezza. Sorrido e tutta la stanchezza se ne va di colpo.
Waikiki e' piena di hotel, grattacieli, luce.
C'e' vento la sera, e si sta bene in maniche lunghe.
Tantissimi turisti. Molti giapponesi.
L'ostello dove dormo la prima notte e' pessimo, esattamente come me lo immaginavo. Ma non sono riuscito a trovare altro. Era tutto prenotao per via di un megaevento della NFL league.
Il primo giorno
La natura e' bellissima e rigogliosa. E' incredibile vedere le piante che noi cresciamo in vaso crescere come alberi alti dieci metri.
Waikiki e' piccola (relativamente, 40 minuti da capo a capo) e con tanta gente, ma per strada non c'e' mai ressa.
Il ritmo e' piu' lento, la gente piu' rilassata.
I colombi hanno un aspetto molto migliore che a NY, sembrano piu' sani.
La temperatura e' perfetta. Abbastanza caldo da andare in giro in maniche corte, ma non di piu'.
L'abbigliamento non e' particolarmente interessante ed i colori, anche se squillanti come il rosso, sono sempre smorzati. Molte magliette con scritte.
L'acqua e' perfetta come temperatura e colore (blu/verde).
Le palme sono degli alberi cosi' eleganti.
Non riesco ancora a comprendere pienamente di essere qui.
E' difficile trovare da mangiare bene (senza farsi pelare). E' molto turistico (ed io sono difficile).
Il sole e' davvero molto forte.
Non ci sono uccelli di notte.
Ci sono un sacco di posti dove si fa il karaoke.

25 febbraio 2005, venerdì

Hawaii - to begin with (Hawaii - per iniziare)
di vololibero alle 07:22:00 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback


A few general impressions before I start with the pictures. As I said yesterday, Hawaii is truly an amazing place. I only visited O'ahu, the island with Honolulu and where the most of the people live. Not the best one. And the most exploited. But, nonetheless, so beatiful. True, I was coming from the crappy North-East in Winter. But there is much more than that. A place that, when it's cold, it means being in the lower 60s (the Winter high is in the upper 70s). Where you can confortably swim in Winter. Bright and strong sun. Incredible trees, plants ad flowers everywhere. Clean and civilized (*hello* NY !). Small enough to move easily but big enough to give you alternatives. Possibly, the only place in the world where you get the best of the tropics and the best of the Western world *together*, at the same time. Waikiki is like Manhattan, full of skyscrapers ... and palm trees, with the beach on one side and the mountains on the other. Quiet and relaxed, slower. The weather was simply perfect. The first days it was a little bit colder at night (ahaa...) and so you had to wear a long sleeves cotton sweater (and that's it). But then it got warmer, and you could walk around in short sleeves. People were going to the beach after work. Incidentally, the water of Waikiki's beach, where 99% of the tourists spend all their time, is crystal clear, as I have seldom seen anywhere else. They have incredible beaches, beautiful mountains, all within half an hour from the city. I could keep going on like this but the point is that, simply, I'm truly amazed. And "amazing" is the adjective that keeps coming to mind, again and again. It's an amazing place. I'm sure that I will go back there. But is it also a place where to live? It's really in the middle of nowhere, with not much of a cultural life, and not really international. And what kind of job can you find there? So, in the end, and for reasons both similar and different, Hawaii is a little bit like Italy: a great place where to go on vacation, or to live ... if you have plenty of money.

Inizio con alcune impressioni generali, prima di passare alle foto. Come ho gia' detto ieri le Hawaii sono un posto incredibile. Ho visitato solo O'ahu, l'isola dove c'e' Honolulu e dove vive la maggior parte della gente. Quindi non l'isola piu' bella e, sicuramente, la piu' sfruttata. Eppure bellissima. Venivo dall'inverno del nord-ovest degli Stati Uniti e questo ha sicuramente influenzato le mie impressioni. Ma c'e' assai piu' di questo. Le Hawaii sono un posto dove, quando fa freddo, siamo intorno ai 15/18 gradi (la massima, d'inverno, e' sui 25). Dove puoi nuotare d'inverno, senza avere freddo. Sole intenso. Piante e fiori incredibili. Pulito e civile (NY, mhmm...). Abbastanza piccolo da essere facile da girare ma abbastanza grande da darti delle vere alternative. Fose l'unico posto al mondo che combina il meglio dei tropici con il meglio del mondo occidentale. Waikiki e' come NY, piena di grattacieli ... e palme, con la spiaggia da un lato e la montagna dall'altro. Tranquillo e rilassato, con un ritmo piu' lento e fisiologico. Il clima era semplicemente perfetto. I primi giorni faceva un po' piu' freddo di sera e quindi dovevo mettere un maglioncino di cotone a maniche lunghe (niente sotto), ma poi la temperatura si e' alzata ed andavi in giro in maniche corte. La gente andava in spiaggia uscita dal lavoro. E, incidentalmente, l'acqua della spiaggia di Waikiki (dove si ferma il 99% dei turisti) e' perfettamente pulita e trasparente, come ho raramente visto altrove. Ci sono delle spiagge incredibili e delle montagne bellissime a meno di mezz'ora dall citta'. E potrei andare avanti cosi' ancora per molto ma il punto e' che, semplicemente, sono rimasto completamente affascinato. "Incredibile" e' l'aggettivo che continua a venire in mente. E' un posto incredibile. Sicuramente che ci tornero'. Ma e' anche un posto dove vivere? Le Hawaii sono molto isolate, e la vita culturale e' assai ridotta e poco internazionale. E che tipo di lavoro si puo' mai trovare li'? Alla fine le Hawaii, per ragioni sia simili che diverse, sono un po' come l'Italia, un bellismo posto dove andare in vacanza, o dove vivere ... se hai un sacco di soldi.

24 febbraio 2005, giovedì

What am I doing here? (Che cosa ci faccio qua?)
di vololibero alle 22:01:35 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback
It's snowing, and a freezing wind blows in the streets. I'm working like a dog. My skin started itching and peeling as soon as I got back. What am I doing here? Why did I come back? It really seems insane. Hawaii is truly an amazing place, as I will try to show you during the next days. It's definitely a place where I would like to go back. And it makes you wonder what's the point with living here. If it makes any sense. It's so ugly here.

Reazioni intense all'essere qui di nuovo. Nevica e tira un vento gelido per le strade. Sto lavorando un casino (debbo pur essere punito per essere andato in ferie). E la pelle ha iniziato a prudere ed a spellarsi appena sono arrivato qui, come per una reazione istintiva. Ma che ci faccio qua? Perche' sono tornato? Sembra davvero senza senso. Le Hawaii sono un posto incredibile, come cerchero' di farvi vedere nei prossimi giorni. E sono sicuramente un posto dove voglio tornare di nuovo. Ti viene da chiederti che senso ha vivere qua. E' cosi' brutto qui.

23 febbraio 2005, mercoledì

Back to NY (Di ritorno a NY)
di vololibero alle 08:44:58 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback



Yesterday I came back from Hawaii and so this morning I'm still heavily jet lagged ... and somewhat resentful. The major shock was not the snow at the airport, or the cold.  They were bad, but expected. And it was not moving from Summer to Winter in ten hours. Which also sucks but, hey, it's February in NY. No, the major shock was the absence of colors. Moving from Hawaii to NY was like moving from a color movie to a B/W movie. This is truly shocking. Basically here there are no natural colors in Winter. Hawaii was awashed with colors. Here it looks like a dead place.

Sono tornato ieri dalle vacanza alle Hawaii e quindi stamattina sono in pieno jet lag ... and anche un po' scocciato di essere di nuovo qui. Non sono tanto la neve od il freddo. Questi sono brutti abbastanza ma in fondo me li aspettavo. E non e' neanche passare dall'estate all'inverno in dieci ore. Ne avrei fatto volentieri a meno ma, in fondo, e' pur sempre febbraio a NY.  No, lo shock maggiore e' l'assenza di colori. Volare dalle Hawaii a NY d'inverno e' come passare da un film a colori ad uno in bianco e nero. Non ci sono colori naturali qui. In Hawaii, invece, e' un'esplosione continua di colori, senza fine. Qui sembra di stare in un posto morto.

13 febbraio 2005, domenica

Going on vacation (Vado in vacanza)
di vololibero alle 07:37:00 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback
I'm flying to Hawaii in the early afternoon. Maybe I'll blog something from there. Maybe not. But I'm sure that I will have a lot of things to blog about when I come back. Life is a sequence of unexpected encounters.

Parto, vado in vacanza alle Hawaii. Magari bloggero' qualcosa da laggiu'. O forse no. In ogni caso, avro' sicuramente un sacco di cose da dire quando ritorno. La vita e' una serie di incontri inattesi.

12 febbraio 2005, sabato

New York in Winter (New York d'inverno)
di vololibero alle 07:31:00 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Brooklyn's skyline from Sandy Hook / Il profilo di Brooklyn dalla spiaggia di Sandy Hook

11 febbraio 2005, venerdì

Winter Beach self-portrait (Autoritratto invernale al mare)
di vololibero alle 21:26:59 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

6 febbraio 2005, domenica

The ocean in Winter (Il mare d'inverno)
di vololibero alle 20:25:25 ~ 0 Commenti (Scrivi) ~ 0 Trackback

Yesterday was finally warm and sunny and so, early in the morning (for a Saturday!), I took the car and drove to Sandy Hook. The beach was so different than on Summer. It was desolate and snowy. Big wawes were foaming on their way to the shore, before smashing into it. I saw four people, in the hour or so that I spent there. One of them was going to surf. Like me, he had felt the call of the sea.

Ieri finalmente faceva caldo (per essere inverno) e c'era uno splendido sole e cosi' la mattina presto (per un sabato!) sono salito in macchina ed ho guidato fino a Sandy Hook. La spiaggia era cosi' diversa rispetto a com'e' d'estate. Era desolata e piena di neve. Grosse onde spumeggiavano nel loro percorso verso la costa, per poi schiantarvisi contro. Ho incontrato quattro persone durante tutta l'ora che sono stato li'. Uno stava andando a fare surf. Come me, aveva sentito il richiamo del mare.


Sandy Hook